IMPRESE STORICHE LOMBARDE

Contributo a fondo perduto fino a 30.000 € per l’innovazione e la valorizzazione delle attività storiche e di tradizione

 

Nei giorni scorsi Regione Lombardia ha pubblicato i criteri attuativi del Bando “IMPRESE STORICHE VERSO IL FUTURO” a supporto degli investimenti delle imprese lombarde iscritte al registro delle attività storiche e di tradizione.

In sintesi:

SOGGETTI BENEFICIARI 

Possono partecipare le PMI lombarde iscritte all’elenco regionale delle attività storiche e di tradizione, in forma singola o aggregata.

L’aggregazione deve essere composta da un minimo di 3 imprese fino ad un massimo di 5.

Possono richiedere il riconoscimento all’elenco regionale i negozi storici, i locali storici e le botteghe artigiane storiche che hanno svolto la propria attività per un periodo non inferiore a quaranta anni senza interruzione di continuità.

 

DOTAZIONE FINANZIARIA

La dotazione complessiva è pari a 2.300.000€ così ripartita:

  • 2.000.000 € in conto capitale;
  • 300.000 € in conto corrente.

 

AGEVOLAZIONE

L’agevolazione consiste nella concessione di un contributo a fondo perduto pari al 50% delle spese ammissibili nel limite massimo di 30.000 €. L’investimento minimo è pari a 10.000 €.

Le spese correnti sono riconosciute nel limite massimo del 15% del costo totale del progetto ammesso.

Sono ammissibili progetti che prevedono esclusivamente spese in conto capitale.

 

INTERVENTI AMMISSIBILI

La misura agevola i progetti relativi a:

  • RICAMBIO GENERAZIONALE E TRASMISSIONE DI IMPRESA (ad es. consulenza organizzativa, finanziaria, commerciale e tecnica per l’avvio del programma di ricambio generazionale);
  • RIQUALIFICAZIONE DELL’UNITÀ LOCALE DI SVOLGIMENTO DELL’ATTIVITÀ: (ad es. rinnovo degli spazi e degli allestimenti per migliorare la funzionalità e l’attrattività);
  • RESTAURO E RIQUALIFICAZIONE;
  • INNOVAZIONE (ad es. progetti innovativi volti al miglioramento dei processi, dei prodotti e dei servizi offerti dall’attività storica)

Gli interventi dovranno concludersi nel termine massimo di 15 mesi a decorrere dalla data di pubblicazione del Bando attuativo.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammesse a contributo le spese in conto capitale per l’acquisto e relativa installazione (ivi compresi montaggio e trasporto) elencate di seguito:

  • Acquisto di allestimenti, attrezzature, arredi funzionali alla riqualificazione dell’unità locale;
  • Spese per interventi innovativi di efficientamento energetico (climatizzazione e riscaldamento);
  • Spese di realizzazione o rifacimento di impianti (elettrico, termico, idrico, di sicurezza, di domotica);
  • Spese per opere murarie e assimilate, funzionali a interventi di riqualificazione, restauro e conservazione;
  • Acquisto di software (licenze per programmi e piattaforme e-commerce);
  • Spese per installazione di connettività dedicata;
  • Spese per interventi di restauro e/o conservazione di decori, di arredi mobili storici e/o di pregio, di insegne storiche e/o di pregio, di vetrine di pregio per il fronte stradale, di attrezzi, utensili e macchinari di particolare pregio e/o riferiti a tecniche di produzione tradizionali;
  • Acquisto di soluzioni e sistemi digitali per l’organizzazione del back-end;
  • Acquisto di soluzioni e sistemi digitali a supporto dell’omnicanalità e per lo sviluppo di servizi di front-end e customer experience nel punto vendita;
  • Acquisto di tecnologie e/o soluzioni digitali per l’integrazione tra saper fare tradizionale e innovazione dei processi produttivi;
  • Acquisto e messa in opera, nelle unità locali di svolgimento dell’attività, di allestimenti relativi a progetti finalizzati ad accrescere l’attrattività dei centri urbani e degli addensamenti dei luoghi storici del commercio.

Sono ammesse a contributo le spese in conto corrente elencate di seguito:

  • Spese per attività formativa, di aggiornamento professionale e manageriale;
  • Spese per servizi di consulenza (organizzativa, finanziaria, commerciale, tecnica, di comunicazione).

Sono ammissibili esclusivamente le spese sostenute a partire dalla data di pubblicazione del Bando attuativo.

 PROCEDURA

Il contributo è concesso a seguito di una procedura valutativa a sportello secondo l’ordine cronologico di invio della domanda telematica.

 TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

Il Bando attuativo, di prossima pubblicazione, indicherà i termini di presentazione della domanda.

 

Per ulteriori informazioni contattare Matteo Milesi di Fogalco soc. coop. allo 035/4120210 – matteo.milesi@fogalco.it . Oppure visita questa pagina e scrivici nel form contatti.